Al giorno d’oggi tante sono le modalità di alimentazione che si stanno sempre più diffondendo tra le persone, in base a varie esigenze e diversi principi.

Spesso l’alimentazione diventa anche una questione di coscienza, legata ad una ampia visione del proprio essere al mondo, proprio come nel caso dell’alimentazione vegana.

Conosci già tutti i segreti dell’alimentazione vegana? Allora scopri il nesso tra salute dell’uomo e alimentazione biologica.

Alimentazione vegana: un fenomeno a cui sempre più persone si stanno avvicinando

Che cosa si intende con questo termine?

I vegani sono più radicali dei vegetariani, essi infatti eliminano il cibo che contenga animali e pure tutto ciò che deriva dagli animali stessi.

Il concetto di base è il rispetto totale delle forme di vita e il non voler farle soffrire, come spesso invece avviene nel ciclo di produzione della carne e dei prodotti animali.

Essere vegani quindi implica non soltanto accogliere un’alimentazione vegana e quindi con notevoli ristrettezze ma anche accogliere un vero e proprio stile di vita.

Ma quali sono allora i cibi ammessi in unalimentazione vegana?

Proviamo a rispondere a questa domanda, indicando alcuni esempi per una dieta quotidiana

 

Per quanto riguarda la colazione, anziché latte di mucca, il vegano sceglie il latte di soia, oppure di avena o di mandorla, che sono più dolciastri.

Accanto a questi tipi diversi di latte si possono mangiare dolci senza uova, realizzati con burro di soia, margarina vegetale, aggiunta di banana schiacciata al posto della farina oppure maizena.

A pranzo, l’alimentazione vegana prevede la preparazione di zuppe, minestre vegetali ma anche pasta di riso, farro, cereali, insalate con verdure fresche ed aggiunte di tofu a dadini, noci, pane integrale e condimento di olio extra vergine di oliva.

Per la cena ci si può sbizzarrire con le zuppe oppure con stufati di legumi o bistecche e spezzatino di soia, oppure alghe che sono ricche di iodio e calcio, si utilizza molto il seitan, un preparato ricco di proteine che viene venduto acnhe aromatizzato secondo diversi gusti.

E poi non mancano lenticchie, verdure fresche o cotte in vari modi, cous cous alle verdure, insalate di riso e tutte le ricette che si cucinerebbero normalmente ma stavolta con l’uso di ingredienti alternativi.

L’alimentazione vegana dunque è limitante rispetto ai cibi che comunemente si trovano in commercio, presuppone un ragionamento alternativo e un’attenzione più oculata nella scelta degli ingredienti nei vari pasti ma deve sempre essere ricca di tutti i nutrienti principali di cui necessita il corpo.

Ciò però non significa che non possa essere seguita o adeguata, semplicemente implica maggiore accuratezza, soprattutto perché seguire una alimentazione vegana quando si è fuori casa non è sempre semplice, bisogna organizzarsi.

0 Commenti

Lascia un commento

Lascia il tuo commento

Lascia un commento