In una puntata di qualche settimana fa avevo introdotto uno degli argomenti più delicati ma allo stesso tempo più importanti che si possano affrontare: il rapporto con il denaro e come fare per attirarlo a sè.

Ti avevo parlato del primo dei 3 punti che avevo indicato: la “Programmazione Mentale” e cioè tutte le informazioni e i programmi che fin da bambino ti sono stati installati nella testa e che hanno condizionato il tuo rapporto con il denaro e con la ricchezza.

Oggi voglio parlarti del secondo punto, che secondo me è fondamentale per poter capire quali siano i blocchi che ti impediscono di avere tutto il denaro che desideri.

Parleremo infatti della “Programmazione Emotiva” che riguarda il denaro.

La storia dei due lupi

Voglio iniziare raccontandoti una piccola storia che narra di un vecchio indiano Cherookee che, seduto nel suo accampamento stava raccontando a sua volta una storia ai bambini della sua tribù radunati intorno al fuoco ad ascoltarlo.

Soldi: che effetto ti fa questa parola?

“Si combatte una terribile battaglia dentro ogni uomo” stava dicendo il vecchio indiano, “una battaglia feroce tra due lupi. Un lupo rappresenta la paura, l’avidità, la rabbia, il senso di inferiorità, l’arroganza, l’egoismo. L’altro lupo rappresenta la pace interiore, l’abbondanza, l’amore, la gioia, la ricchezza, la generosità, la serenità e il rispetto”.

“La stessa battaglia avviene dentro di voi e in ogni persona che incontrate”.

I bambini fissarono il vecchio stando in silenzio per un lunghissimo momento, finchè una bambina lo guardò dritto negli occhi e gli chiese: “ Quale lupo vincerà?”.

Il vecchio indiano trattenne un attimo il respiro e poi rispose solennemente:

“Quello a cui darai da mangiare.”

Questa storia così emozionante mi ha fatto capire che dentro di noi trionferanno le qualità che decideremo di nutrire. E il nutrimento sono i nostri pensieri, le nostre emozioni e ciò su cui decidiamo di focalizzarci.

Fin da piccoli abbiamo subito ogni sorta di condizionamenti emotivi riguardanti il denaro.

Il ruolo della famiglia. Di nuovo!

Eh sì, se abbiamo avuto la fortuna di crescere in una famiglia che aveva un rapporto sano con il denaro, dove quest’ultimo non veniva utilizzato come sostituto emozionale, allora probabilmente avremo a nostra volta un rapporto positivo con esso: sapremo produrlo, sapremo conservarlo e sapremo investirlo. Dandogli il giusto grado di importanza e soprattutto senza confondere il denaro con le emozioni quali la gioia, l’amore, la serenità.

Ma se al contrario la nostra famiglia di origine ha avuto un rapporto disfunzionale con la ricchezza, allora per noi la strada verso la tranquillità economica dovrà essere costellata di qualche sforzo in più per cambiare la nostra programmazione e sostituirla con dei programmi più efficaci e vincenti.

Una delle emozioni più comuni legate al denaro che si imparano dall’esterno è la paura.

Paura di guadagnarlo, paura di perderlo, paura di non saperlo gestire, paura che ci venga rubato, sottratto..o addirittura una delle credenze inconsce più comuni: che il denaro sia una cosa sbagliata.

Il denaro non è ne’ giusto ne’ sbagliato, giusto o sbagliato è l’uso che se ne fa, ma questo è un discorso troppo ampio al quale dedicherò un articolo a parte.

Oggi voglio concentrarmi sulla paura rispetto al denaro, paura che, nel 99% delle volte, è inconscia (ovvero non sei cosciente di averla ma, la stessa, guida i tuoi pensieri e le tue decisioni).

Ti sembrerà strano ma molto spesso la paura è completamente immaginaria perchè riguarda un evento che non si è ancora verificato e che noi attraverso l’immaginazione rendiamo “reale”.

Dietro ogni paura si cela però la paura di perdere qualcosa: la vita, la salute, i propri affetti, i valori, il rispetto degli altri o la propria reputazione.

Paure reali e paure immaginarie

Siamo portati a pensare che solamente i bambini abbiano delle paure immaginarie e invece non è così.

Infatti continuiamo a creare le paure immaginarie anche da adulti e purtroppo il nostro cervello non distingue fra paure reali e paure immaginarie. Per lui sono entrambe reali!

Per questo motivo le nostre paure immaginarie possono diventare un problema:

essendo la nostra immaginazione sconfinata,
puoi ben capire che può diventare altrettanto sconfinata
la sensazione di paura che possiamo provare.

La buona notizia è che tutte le paure non reali sono state “imparate” (dalla famiglia, da un trauma subito, da informazioni errate che abbiamo acquisito) e quindi possono essere “disimparate” o meglio disinstallate dalla nostra mente.

Come? Ma è semplice, con la stessa immaginazione!

Esistono tecniche di vario genere e svariati esercizi, fra cui il metodo che ho messo a punto io e che ho chiamato Cervello Quantico, che è molto efficace appunto per deprogrammare non solo la propria mente, ma anche livelli più profondi, come quello emotivo per l’appunto.

L’uso del Cervello Quantico permette di andare a scavare, riconoscendo all’origine quei programmi, quando sono stati installati e, nello stesso modo, installarne altri, più produttivi al tuo scopo.

C’è qualcosa che però intanto puoi fare, fin da subito.

Il potere del cambiamento: lasciar andare le resistenze e cambiare abitudini.

Se non ti piace la tua vita o se vorresti anche solo migliorarla, cambia le risposte, fai diventare positivi i tuoi pensieri negativi, cambia i sogni, le abitudini. Inizia a cambiare le cose che leggi, gli amici che frequenti se non credono in te: inizia a cambiare soprattutto quello che dici e come lo dici.

E se ogni sera quando vai a dormire immagini come sarà il tuo futuro quando avrai realizzato i tuoi obiettivi, e non metti energie nel lamentarti e dare la colpa all’esterno ma sei anzi fiero di essere l’unico responsabile della tua vita, allora ti dico che sei sulla strada giusta e che i risultati non tarderanno ad arrivare.

La cosa più saggia che puoi fare ora dunque è quella di smettere di lamentarti, decidi di assumerti tutta la responsabilità della tua vita e dei tuoi risultati e inizia a cambiare le tue abitudini iniziando da quelle più semplici.

Nel prossimo articolo sul denaro, la terza ed ultima puntata, ti parlerò della Programmazione Quantica e ti fornirò la chiave per mettere in pratica i cambiamenti che hai deciso oggi di voler fare.

Continua a seguirmi e a leggere con attenzioni gli articoli che ti mando, sarà il primo passo verso le abitudini potenzianti che dovrai acquisire per migliorare la tua vita in ogni singola area.

C’è un modo diverso di vedere le cose.
Più che puoi, sempre.

 

Vuoi ascoltare la versione audio di questo articolo? Clicca sui link della piattaforma che preferisci per ascoltare il Podcast:

Ascolta il Podcast dell’articolo su Spotify >>

Ascolta il Podcast dell’articolo su iTunes >>

Ascolta il Podcast dell’articolo su Spreaker >>